Samsung Galaxy Note 7 – La recensione prodotto completa

Samsung Galaxy Note 7 è un prodotto che è stato portato alla nostra attenzione molto prima dell’evento inaugurale che lo ha reso protagonista lo scorso 2 Agosto 2016, all’interno di un settore in continua espansione, quello degli smartphone, prodotti dotati di un’intelligenza artificiale in grado di introdurre innovazione e nuovi modi di interagire con il mondo che ci circonda. Il nuovo Galaxy Note non fa eccezione, ed amplia anzi il concetto portandolo all’ennesima potenza, grazie ad un dispositivo dotato di tutte le tecnologie necessarie di cui potremmo avere bisogno anche in vista di future implicazioni pratiche.

La tendenza a sostituire i classici metodi interattivi con carta e penna attraverso un display digitale con funzionalità analoghe ha portato alla creazione di una piattaforma di gestione che, alla luce di quanto emerso dalle prove, risponde fedelmente alle condizioni iniziali. Ma non è solo la nuova Note 7 S-Pen a fare la differenza. Ed è proprio per questo che ci addentreremo per la prima volta nella recensione completa del uovo phablet sudcoreano, prendendo spunto dal lavoro svolto dai colleghi di GSMArena, che per primi hanno potuto beneficiare di un hands-on diretto con la versione americana del terminale. Scopriamolo insieme.

Galaxy Note 7 – Un device oltre ogni limiteGalaxy Note 7 unboxing

Galaxy Note 7 rappresenta, in tutto e per tutto, il primo vero cambiamento adottato a partire dai device della line-up parallela Samsung Galaxy S. Con S6, infatti, si è assistito ad un primo vero step evolutivo introdotto dalla tecnologia costruttiva border-less Edge-to-Edge che con S7 ha visto soltanto una rimodulazione della scocca senza grossi cambiamenti. Ma con Note 7, la storia è completamente diversa.

Il disegno è davvero bellissimo e consente di massimizzare lo spazio a disposizione su schermo consentendo di interagire con un terminale che, pur rientrando a pieno titolo nella categoria phablet, non lascia mai incertezze sul grip e sul ridotto ingombro dimensionale, ora nettamente ottimizzato. Si tratta di un dispositivo che offre alcuni peculiari vantaggi, tra cui:

  • Display: Pannello Capacitivo Multi-Touch Super AMOLED dual-Edge Quad-HD Resolution con diagonale da 5.7 pollici @2560x1440p e densità in pixel di 518ppi con rivestimento protettivo Cornig Gorilla Glass di 5a generazione (anteriore-posteriore,) HDR-Ready e funzioni Always On Display
  • Processore: Octa-Core System Exynos 8890 Octa-Core Mongoose (4×2.6GHz + 4×1.6GHz)
  • GPU: Adreno 530
  • Memoria RAM: 4GB LPDDR4 System
  • Memoria ROM: 64GB con tecnologia UFS 2.0 espandibili fino a 256GB su slot per microSD separato
  • SIM Card: Formato Nano-SIM
  • Fotocamera Principale Posteriore: 12 Megapixel  con tecnologia di stabilizzazione ottica di immagine (OIS), HDR e sistema di messa a fuoco automatica @f/1.7 con doppio LED Flash
  • Fotocamera Secondaria Anteriore: 5 Megapixel FF @f/1.7 e video fino a 1440p @30fps
  • Connessioni: LTE Categoria 12 (600Mbps), WiFI ac doppia banda 2.4GHz/5GHz, NFC, Bluetooth 4.2, ANT+ ed USB 2.0 Type-C reversibiile con funzioni OTG-ready, GPS con GLONASS Geo-System, Beidu e Galileo GPS
  • Sensoristica: Luminosità ambientale, Proximity sensor, scanner biometrico per le impronte digitali, accelerometro, giroscopio, scanner retinico, barometro, cardiofrequenzimetro e saturimetro
  • Speciale: Funzione S-Pen migliorata con 4.096 livelli di pressione e latenza <50ms con monitoraggio a 360Hz, Certificazione IP68 contro polveri e fluidi in immersione fino a 30 minuti @1.5 metri
  • Dimensioni: 153,5 x 73,9 x 7,9 millimetri
  • Batteria: 3.500mAh non removibile con funzione ricarica rapida calata Qualcomm Quick Charge 3.0 e wireless charge (Qi / PMA)
  • Sistema Operativo: Android 6.0.1 Marshmallow con supporto alle personalizzazioni Samsung Touchwiz Grace UX (supporto previsto al lancio per Android 7 Nougat)

Quali sono gli aspetti negativi della questione? Forse sarebbe il caso di metterne in evidenza qualcuno. In primo luogo è un dispositivo che offre un ambiente operativo di tipo business e, perciò, l’utilizzo dell’S-Pen (se si considera anche il prezzo) è superfluo e passa in secondo piano rispetto ad un Galaxy S7 Edge. Vi è poi la questione IRIS Scan, che come discusso nell’ultimo periodo non consente un’interazione libera su soggetti provvisti di lenti correttive ed implica la stretta vicinanza dell’interessato alla fotocamera IR da 3.7 Megapixel presente a bordo – soluzione davvero poco comoda, per il momento. Per il resto, un device davvero al top.

Il cuore dell’esperienza Note, specialmente in ambito lavorativo, è rappresentata dall’S-Pen, la quale offre, ora più che mai, un’esperienza davvero completa e soddisfacente. Le caratteristiche ed i tempi di risposta dei display Edge lanciati nel 2014 sono state perfezionate, raggiungendo il loro apice con il uovo Note 7 Edge che ha conosciuto un display davvero favoloso.Con il nuovo Galaxy Note è stata introdotta nuovamente l’impermeabilità tramite Certificazione IP68, introdotta con S5 e volutamente estromessa su Galaxy S6 ed affini.

L’obiettivo di Samsung, anche per il prossimo futuro, è sostanzialmente quello di accogliere le richieste ed i feedback degli utenti, onde migliorare costantemente l’esperienza di utilizzo e la completezza delle funzioni disponibili. Nell’ultima release del terminale, rispetto ad esempio all’S6, sono state nuovamente introdotte gli slot per microSD ed il nuovo scanner biometrico dell’iride che assieme al nuovo sistema Note 7 Knox 2.7 eleva il concetto di sicurezza su altri standard. Un occhio di riguardo è stato posto anche all’implementazione della nuova interfaccia reversibile per la ricarica, lo scambio dati ed il collegamento di Gear VR 2016. Stiamo parlando della nuova USB Type-C.

Galaxy Note 7 UnboxingGalaxy Note 7 Box

La scatola Galaxy Note 7 rispecchia il classico layout dei telefoni di punta made in South Korea. Inchiostro eco-friendly di colore nero con lettere lucide in rilievo e impronta in carbonio per i punti focali. Una scatola con tutto ciò che serve e che si completa con le aggiunte in bundle attualmente previste dal sistema di pre-ordine, che offre a titolo gratuito anche una microSD da 256 EVO Plus ed il nuovo visore per la realtà aumentata Samsung Gear VR 2016.

Aprendo la scatola troviamo un caricabatteria rapido 9V @1.67A, per un totale di potenza di ricarica erogata di ben 15W, un cavo USB di tipo C, due adattatori (uno da tipo C a tipo A Full size ed uno da tipo C a microUSB 2.0), punte di ricambio per S-Pen ed una clip per la sostituzione e l’inserimento delle SIM Note 7. Lo strumento per l’espulsione del vano SIM si trova appena sotto i manuali, ben nascosto alla vista.

Galaxy Note 7 AccessoriLEGGI ANCHE: Galaxy Note 7; Samsung rilascia il primo unboxing ufficiale [Video].

In aggiunta alla dotazione base troviamo anche i nuovi auricolari di punta siglati EO-EG920BW con driver canalizzati da 12mm, microfono incorporato anti-rumore e cavo anti-aggrovigliamento.

Galaxy Note 7 HardwareGalaxy Note 7 immagine

Galaxy Note 7 offre una simmetria che garantisce una bellezza davvero unica. Un design ricercatissimo, in cui i lato destro-sinistro sono perfettamente allineati ed in simbiosi tra loro. Le curve risultano pertanto meno pronunciate rispetto all’S7 Edge e lasciano ampio spazio di manovra per l’estrazione e l’utilizzo della S-Pen e non costituiscono mai un problema, anche nelle sessioni di utilizzo più impegnative, come il disegno.

Il form factory lascia intendere di trovarsi di fronte ad un device decisamente meno ingombrante rispetto al Note 5 e la prova si ha quando si tenta di metterlo in tasca. Pur essendo un device da 5.7 pollici, non abbiamo riscontrato alcun problema di portabilità. I lati curvi, inoltre, mascherano totalmente le cornici laterali, mentre il nuovo sistema intelligente integrato in Note 7 eviterà pressioni accidentali del palmo della mano al bordo che, in automatico, sarà in grado di riconoscere un tocco involontario e scartarlo, non lasciando spazio ai problemi sollevatisi con S7 Edge.

Samsung ha sostituito il vetro con il nuovo Note 7 Gorilla Glass 5, 30% più resistente delle protezioni di quarta generazione. La pellicola è sia anteriore che posteriore e si sviluppa lungo un telaio sottile che lascia spazio ad una maggiorazione dello spessore in prossimità delle interfacce d’uscita lungo i lati superiore ed inferiore ceh ospitano gli slot. I bordi sono in metallo ed offrono una presa eccellente in ogni situazione d’uso.Galaxy Note 7 IRIS SCAN

Il frontale è leggermente diverso rispetto a quanto osservato sin oggi, e conta sulla presenza di una nuova minuscola fotocamera da 3.7 Megapixel che funge da sistema di riconoscimento ed accesso ai dati tramite sensore IRIS Scan ad infrarossi (funziona anche al buio). Appena sotto lo schermo, poi, troviamo un altro scanner biometrico, quello relativo alle impronte digitali, a metà strada tra i soft-touch dell’app Switch e del tasto Back. Il pulsante fisico Home, infatti, maschera il sistema di accesso secondario tramite impronta.I pulsanti capacitivi, inoltre, risultano ben visibili anche in esterno.

Samsung Electronics continua nella sua ferrea compagna volta all’implementazione dei pulsanti dedicati, in controtendenza rispetto ai pulsanti a schermo che vediamo in altri OEM Europei e d’oltreoceano.Una scelta dettata solo dall’eleganza? Chi lo sa.Galaxy Note 7 scocca

I profili laterali ospitano i pulsanti fisici previsti per l’accensione ed il risveglio dallo stand-by (destra) ed il rocker Volume Up&Down (sinistra). Il lato superiore non offre IR Blaster ma è occupato da un microfono e da uno slot per schede microSD e SIM formato Nanosim, mentre sui modelli dual-SM destinati agli altri mercati si dovrà necessariamente sacrificare un’utenza telefonica esterna. Lo smartphone offre 64GB di archiviazione interna, ma possiamo espandere lo spazio sino al limite dei 256GB. La parte inferiore è, in assoluto, la più congestionata e prevede il nuovo connettore USB Type-C, la Samsung Pen impermeabile con estrazione Push&Pull, lo speaker, un secondo microfono per la soppressione dei disturbi, una griglia per per l’altoparlante mono ed il jack audio femmina in formato 3.5mm per il collegamento di cuffie, auricolari ed ulteriori accessori.Galaxy Note 7 USB Type-C

Di particolare rilevanza risulta essere una funzione specifica che consente di estromettere il processo di carica nel caso in cui venga rilevata umidità in eccesso sulla relativa porta (questa è totalmente scoperta).

La parte posteriore non è removibile e si completa con la presenza del cardio-frequenzimetro ed il sensore per il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue. La fotocamera Note 7 è la stessa di S7 ma vi sono state delle sostanziali modifiche lato software.

Le combinazioni colore sono davvero affascinanti e tengono conto di tre varianti fondamentali: Coral Blue, Black Onyx e Silver Titanium.

Galaxy Note 7 DisplayNote 7 Display

Il display? Il migliore al mondo, almeno secondo DisplayMate. Garantisce un focus perfetto anche sotto la luce diretta del sole, con tutti i vantaggi della tecnologia Super AMOLED di Samsung e la garanzia di un dispositivo senza bordi che punta sempre al massimo spazio visivo possibile. I bordi laterali sono leggermente tendenti verso il basse ed indirizzati ad ospitare le funzioni speciali dell’Edge Launcher. Il pannello è un QHD (2560x1440p) e la luminosità massima risulta essere di 430nits in modalità manuale e 650nits in automatico. Il più alto mai visto su uno smartphone. Le modalità sono le tre già viste per S7:

  • Adaptive Exposure: adatta il colore al contenuto dello schermo saturando diversamente i canali fondamentali ed adattando il bilanciamento del bianco in Auto
  • AMOLED Foto: aumenta il contrasto e satura i colori, anche se meno marcatamente della precedente.
  • AMOLED Cinema: arricchisce la scena in modalità Basic variando luminosità e contrasto

Galaxy Note 7 DisplayL’inclinazione del display non causa una perdita di tonalità o cambiamenti colore nemmeno ai lati (nessun effetto prisma). Il profilo dello schermo Note 7 si completa poi con la possibilità di ottenere il supporto nativo all’HDR Video con profondità di 10-bit. Le scene risultano davvero dettagliate e ben bilanciate. Pur essendo una tecnologia agli esordi, in tal senso ci si sta muovendo. Ne sono un caso Netflix e Amazon Video che, in quest’ultimo periodo, sono passati alle trasmissioni HDR. La feature Video Enhancer, poi, permette di accentuare i colori ed incrementare la potenza audio in uscita.

Galaxy Note 7 Connessioni

Galaxy Note 7 USB Type-C è la prima implementazione dell’interfaccia su smartphone Samsung. Visto e considerato che la società non intende abbandonare il classico USB 2.0, son stati previsti ulteriori adattatori Full size verso questo e verso il microUSB 2.0. L’adattatore USB 2.0 fornisce il supporto diretto all’OTG, mentre il microUSB non lo contempla. Tale disposizione è utile in caso di trasferimento dati (USB 2.0) o per a ricarica (microUSB).Tramite adattatori avremo, inoltre, le limitazioni dello standard in termini di velocità e l’impossibilità di ottenere un connettore reversibile.Galaxy Note 7 USB

Con USB Type-C, per contro, avremo nativamente uno standard DisplayPort TV-OUT ufficiale ed il MirrorLink. Dal punto di vista delle connessioni wireless abbiamo quanto di meglio si possa desiderare sotto ogni aspetto: WiFI AC Dual-Band MIMO, BT 4.2, NFC, LTE Cat.12, ANT+ e GPS con A-GPS, Beidu e Galileo.Il terminale, inoltre, è Samsung Pay-ready ed utilizza l’NFC come modello di comunicazione unitamente ad un emulatore MST.

Galaxy Note 7 Batteria
Galaxy Note 7 batteria

Note 7 ha una batteria da 3.500mAh, 500mAh in più rispetto a Note 5 e 100mAh in meno rispetto ad S7 Edge. Ciononostante, le nuove implementazioni di risparmio energetico personalizzabili garantiranno un ottimo margine di manovra, unitamente alle ottimizzazioni che arriveranno lato sistema operativo grazie all’apporto fornito da Android N. Sarà possibile variare i classici parametri di luminosità e prestazioni di elaborazione e, ultima chicca, anche la risoluzione d’uscita oltre che il traffico dati in mobilità. Proprio così. Infatti, potremo scalare a 1080p e 720p in modo tale da ridurre il carico di lavoro sul chipset mantenendo comunque la nitidezza del display.

La modalità gioco dispone, tra l’altro, di un’ulteriore modalità di utilizzo che consente di ottenere 60fps pieni. la modalità Salva Carica scala verso il basso in Full HD e mantiene un framerate a 30fps, mentre l’Ultra Power Saving si porta alla soglia dei 720p.Galaxy Note 7 Risparmio Energetico

Le nuove funzioni di Risparmio Energetico Note 7 sono davvero incredibili ed il livello di personalizzazione davvero eccezionale. Un set di funzioni che, altrimenti, richiederebbe l’utilizzo di applicazioni di terze parti e diritti di root. Senza particolari configurazioni di Energy Saving, Note 7 ha registrato 90h di stress test con il 30% del tempo a display acceso.

Note 7 Always On, inoltre, regola in automatico la luminosità secondo ambiente e garantisce un minor consumo di energia durante le ore notturne, benché in tal caso sia da preferire la funzione Orologio Notte, la quale disabilita AOD a favore di un piccolo orologio sempre visibile. I risultati sono leggermente inferiore ad S7 Edge, causa i 100mAh in meno e la presenza di un display da 5.7″.

Galaxy Note 7 S-Pen

La penna digitale Samsung sviluppa la sua azione sul Digitizer posto appena sotto il display. Una sottile lastra sensibile, infatti, riceve gli input da penna al pari di una soluzione a sfera. Il feeling è davvero incredibile. Il pulsante è stato spostato in alto onde evitare pressioni accidentali e rileva ora 4.096 punti di pressione attraverso un terminale che monitora la pressione 360 volte al secondo.Galaxy Note 7 S-Pen

Samsung ha aggiunto per Note 7 Samsung Pen ulteriori caratteristiche che permettono di scrivere anche a schermo bagnato. La funzione di maggior rilievo risulta essere, ad ogni modo, il nuovo Screen-Off Memo, attraverso cui prendere appunti al volo senza sbloccare il dispositivo. Presente anche un lente di ingrandimento per il testo e un traduttore istantaneo integrato. Possiamo anche catturare uno screenshot, creare GIF animate e molto altro. Tutte le nuova caratteristiche sfruttano il classico Note 7 Air Command e sono davvero favolose.

Galaxy Note 7 Always On DisplayGalaxy Note 7 AOD

Always On S7 è stato piuttosto limitato sin dall’inizio, ma con Note 7 la situazione è destinata a cambiare radicalmente. Tredici stili orologio, due calendari, sino a quattro immagini a schermo spento e la compatibilità diretta nella visualizzazione delle notifiche di terze parti in arrivo contribuiscono a rendere più accessibile le funzioni a schermo spento. L’abilitazione o la disattivazione può avvenire in modo programmato a specifici orari e/o condizioni.

Galaxy Note 7 Edge Launcher

Edge Launcher costituisce una scorciatoia per molte caratteristiche. Si attiva facendo swipe verso sinistra procedendo dal lato destro del display. Di default dispone di 4 pannelli fondamentali:

  • App: Recenti e Preferiti
  • Contatti: Preferiti
  • Tasks: Scorciatoie rapide come Selfie ed Eventi
  • LuoghiCasa, Lavoro, Fuori casa, ecc..

Galaxy Note 7 Edge-LauncherDa qui è possibile scegliere selettivamente quali abilitare o meno e richiedere il download di pannelli aggiuntivi. Il feed delle notifiche non mostra tutte le notifiche del telefono. Un’ulteriore caratteristica è rappresentata dalla Luce Edge, la quale consente di prendere visione di una notifica in arrivo quando il telefono si trova a faccia in giù.

Galaxy Note 7 IRIS Scan

Galaxy Note 7 non è di certo il primo smartphone ad implementare il nuovo scanner per l’iride, lo abbiamo visto infatti anche su Lumia 950 e 950XL, ma mai sino ad ora su un device Android. Il nuovo sistema sarà presto intercambiabile rispetto allo scanner per le impronte digitali e garantisce la gestione della Lockscreen, dell’ambiente Knox 2.7, l’accesso a Samsung Pay e la nuova cartella Secure Folder.Galazy Note 7 scanner iride

Gli scanner iride, secondo le statistiche, sono molto più sicuri rispetto ai fingerprint anche se vi sono i lati negativi della questione.l’IRIS Scan presuppone un corretto allineamento visivo, l’attivazione della funzione e il risveglio del telefono dallo stand-by con relativa attivazione della funzione. Un processo fin troppo laborioso a nostro avviso. Almeno per il momento il sistema più in voga risulta essere lo scanner per impronte digitali, a meno della Secure Folder.Galaxy Note 7 Secure Folder

Note 7 Secure Folder è una speciale cartella che crea un sottosistema inaccessibile al livello più alto del sistema che contiene file e documenti definiti dall’utente in fase di Impostazione. A tal proposito possiamo anche installare due app identiche da destinare ai due ambienti. In pratica è come avere un secondo telefono.

Galaxy Note 7 Interfaccia UtenteGalaxy Note 7 Touchwiz UX

Tra un paio di mesi Note 7 riceverà la nuova release di sistema per Android Nougat, sebbene adesso stanzi su Android 6.0.1 M. All’interfaccia si accede tramite sistema PIN/Password o scanner biometrici (impronta/iride). Una volta entrati ci troviamo di fronte alla nuova Grace UX che non ha comunque introdotto una riprogettazione importante rispetto alla classica Touchwiz UI. in Homescreen, sulla sinistra, troviamo il feed delle News. L’area di notifica dispone di un look rinnovato con lo slider per la luminosità spostato in fondo all’area ed un nuovo Campo Ricerca per file locali, applicazioni installate e punti di accesso wireless vicini.

L’interfaccia consente di apporre temi differenti per Home ed icone che risultano così liberamente personalizzabili attraverso i contenuti del Note 7 Theme Store di Samsung. Lo stile della GUI rispecchia il Material Design voluto per il nuovo OS e la possibilità di operare in Split-Screen. Le finestre flottanti funzionano per certe applicazioni e permettono l’interazione anche tramite S-Pen.Galaxy Note 7 notifica

Alcune gesture sono davvero comode benché già osservate in altre proposte. Tra queste, la possibilità di fare un Mute capovolgendo il terminale e lo screenshot al passaggio del palmo della mano sul display (anche se non sempre riesce alla perfezione). Toccare due volte il pulsante Home avvierà, inoltre, l’app fotocamera.

Il telefono non ha bloatware ma arriva con pre-installata la suite di prodotti Microsoft Office mobile e Skype, oltre che OneDrive con previsti 100GB di traffico incluso per 2 anni. Queste possono essere disattivate ma non cancellate, a meno di programmi terzi a seguito di root-access (non consigliato).

Galaxy Note 7 Samsung Cloud

Note 7 è il primo telefono a supportare la nuvola Samsung,con 15GB di spazio dedicato al salvataggio remoto dei contenuti. Il software prevede in automatico il backup di contatti, eventi del calendario e appunti S-Pen. Immagini e video possono essere salvati (da considerare la dimensione di un video 4K) e le schede Google Chrome vengono anch’esse sincronizzate.

Possiamo forzare il programma a salvare solo in WiFi anche se i contenuti Galleria non erodono il traffico dati in mobilità. Samsung Cloud non è da considerarsi alla strenua di DropBox e Google Drive ma come un semplice sistema per il backup remoto senza la pretesa di realizzare share et similia.

Galaxy Note 7 Game Launcher

Note 7 Game Launcher consente di ottenere il massimo dall’esperienza di gioco al cellulare escludendo distrazioni e massimizzando l’interazione con le funzioni proprie dei videogame, come le registrazioni delle sessioni video e l’esclusione delle notifiche. Possibile, come su S7, disattivare anche i tasti funzione capacitivi ed accedere ora alle funzioni tramite S-Pen per via diretta. Non è possible fare live streaming ma, almeno per ora, solo registrare e condividere la creazione.Galaxy Note 7 Game Launcher

Una funzione utile, specie se si considerano le nuove frontiere del Gaming VR tramite auricolare.

Galaxy Note 7 Prestazioni

Dal punto di vista delle performance Galaxy Note 7 non è secondo a nessuno. Ve lo possiamo assicurare. Mosso da un Exynos 8890, si appoggia a 4GB di RAM che, tuttavia, non introducono i miglioramenti tanto attesi (stesse specifiche dell’S7). In Cina si parla di una variante speciale con 6GB RAM e 128GB ROM. Di seguito tutti i test e le classifiche comparative:Galaxy Note 7 benchmark

Note 7 Antutu

Galaxy Note 7 GFX

Galaxy Note 7 BaseMark

Uno dei telefoni più veloci del mercato. Non c’è alcun dubbio. Davvero poche le differenze tra le varianti Exynos e Snapdragon, tranne alcuni miglioramenti sul piano grafico in quest’ultimo.

Galaxy Note 7 Ricezione

Note 7 può essere trovato in versione Single SIM e Dual-Sim. Nessuna novità per dialer e chiamata e relative funzioni. La modalità Non disturbare può essere programmata così da stabilire in sede anche la priorità per le notifiche a specifici intervalli orari.Galaxy Note 7 Ricezione e Volume

Nella prova altoparlante vittoria schiacciante su S7 Edge, con suono limpido anche al massimo volume sia per suoneria che per musica e chiamate vocali.

Galaxy Note 7 App

Il browser Internet Samsung garantisce un livello di sicurezza agli account tramite i sistemi di accesso esclusivi abilitati per impronte ed iride.Galaxy Note 7 S-Health

Samsung Galaxy Note 7 S-Health tiene poi traccia dei progressi sportivi e dello stato di salute in collaborazione ai sensori on-board per il ritmo cardiaco e la saturazione di ossigeno.

Smart Manager funge poi da centro di controllo del device e consente di operare rapidamente la manutenzione del dispositivo lato software. Pulizia applicazioni, livello di batteria consumato dalle singole app, utilizzo della RAM sono esempi di ciò che è possibile visualizzare attraverso il pannello principale.Galaxy Note 7 Smart Manager

La funzione Note 7 Sicurezza è garantita dal nuovo sistema Knox nella sua versione 2.7. L’utilizzo della funzione, al pari di Secure Folder, crea un ambiente privilegiato e separato rispetto al resto del sistema, tenendo lontano malintenzionati e curiosi dalle modifiche al sistema ed ai nostri dati.Galaxy Note 7 Archivio

Il file Manager predefinito per l’Archivio è My Files, il quale prevede integrazione con G-Drive ma non con Samsung Cloud. Possiamo anche condividere cartelle dopo averle compresse, così da ridurre l’ingombro in MB durante la condivisione ed il salvataggio in cloud.

Infine abbiamo Galaxy Apps, l’app store di Samsung da utilizzarsi per lo shopping di applicazioni e contenuti in linea alle soluzioni previste dal Google PlayStore.

Galaxy Note 7 MultimediaGalaxy Note 7 app Galleria

Galaxy Note 7 Galleria è stata ritoccata a favore della compartecipazione pubblica e della creazione di storie,. Chiunque, infatti, sotto la tua autorizzazione può eliminare o aggiungere foto agli album. Per tutti coloro che non dispongono di un Samsung Galaxy, verrà creato un link SMS per l’accesso via browser ai contenuti. A seguito della verifica dell’identità, l’utente può scaricare una Storia, ma non modificarla o eliminarla (sola lettura).

Diversi strumenti di editing per le immagini si rendono disponibili, dal semplice ritaglio al collage fotografico sino alla correzione ed all’applicazione di effetti particolari.Con S-Pen possiamo anche creare brevi GIF.Galaxy Note 7 Google Play Music

Note 7 Google Play Music è il lettore musicale predefinito. Arricchito da equalizzatore Sound Alive e Preset su quadranti predefiniti, consente di riprodurre musica in locale e online tramite cloud streaming. Le funzioni di arricchimento Samsung giocano a nostro favore e consentono una regolazione personale del volume in cuffia tramite Adapt Sound e l’upscaling per flusso audio ad alta definizione oltre che l’effetto surround emulato e Tube Amp Pro Simulator

Note 7 Video, invece, non offre app pre-installate ma si appoggia all’app Galleria. Pieno supporto a funzioni avanzate e sottotitoli con possibilità, inoltre, di poter ascoltare solo l’audio di un video escludendo la visuale. Supporto garantito per i lettori VLC, MX Player, BS Player e Youtube.Con Video Enhancer possiamo migliorare la qualità dei flussi portando lo standard SD in HDR.

Galaxy Note 7 AudioGalaxy Note 7 Audio

L’Audio del phablet è davvero potente. In cuffia non vi sono distorsioni ed i livelli di potenza sono al top della categoria, come mostra la curva sottostante e le relative tabelle comparative:

Galaxy Note 7 CameraGalaxy Note 7 camera

Note 7 eredita la stessa fotocamera di Galaxy S7 rispettando alcuni miglioramenti software. Un sensore da 12 MP con aspect ratio 4:3 mette in mostra la tecnologia Dual Pixel e l’incredibile capacità del sensore di catturare la luce anche dove questa non c’è. Veloce, precisa. In una parola: affidabile.

Grandi cambiamenti nell’interfaccia grafica, ora molto più semplificata. Scompaiono Modalità ed Effetto che vengono ora sostituiti dalle gesture. Le modalità sono le stesse (PRO Mode compresa). Le foto sono dettagliate e con poco rumore con colori e nitidezza forse fin troppo elevati. La gamma dinamica rispetto ad S7 sembra aver subito dei miglioramenti e gli scatti riportano una qualità davvero impressionante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Presente la Modalità HDR anche Automatica che, comunque, riporta alcune linee scalettate ed effetti indesiderati. L’effetto Panorama potrebbe essere assimilato ad un grandangolo ed offre ben 4.000pixel di estensione ed un punto di ancoraggio davvero ottimale.

Buona anche la fotocamera frontale da 5MP anche se ti consigliamo di disabilitare l’HDR Auto in quanto perde un po per quanto riguarda la gamma cromatica rispetto alla soluzione posteriore di scatto.

In ogni caso Samsung ha realizzato le Note 7 Cover Lens, attraverso cui poter scattare in grandangolo (sino a 110°) e con teleobiettivo (con ingrandimento 2x). Per sfruttare al massimo le capacità fotografiche potrebbe essere anche un’idea quella di acquistare una Samsung Gar 360 per riprese a tutto tondo.

Galaxy Note 7 Videocamera

Galaxy Note 7 Video gira clip con risoluzioni massime di 2160p @30fps ed anche 1080p @60fps. Il framerate maggiorato sui 1080p rende fluide le registrazioni ma se si vuole ottenere il massimo conviene provare la 720p @240fps, un vero spettacolo. I video realizzati con la Selfie-Cam frontale garantiscono un buon risultato per i video in QHD, benché molti competitor si limitino al massimo al FHD.

I video sono dettagliati e ricchi dal punto di vista cromatico, al pari della fotocamera. Nel complesso un comparto video davvero più che soddisfacente, come i sample dimostrano.

In 1080p si assiste ad una maggior fluidità del movimento anche se è possibile scalare a 30fps e 17fps senza perdita di qualità:

Conclusioni

Sostanzialmente Galaxy Note 7 corrisponde per molti aspetti all’ultima versione di Galaxy S7 Edge, con in più bordi levigati ed un comparto software ed hardware votato all’utenza business. Mantiene le medesime specifiche di memoria RAM e comparto multimediale ma migliora dal punto di vista dell’Interfaccia Grafica Utente, della sicurezza e delle funzioni accessorie per l’Always On.

Il prezzo di lancio previsto per la data del 2 Settembre 2016 è fissato a €859 per il mercato italiano. La recensione finisce qui, ma l’esperienza utente ha ancora molto di cui beneficiare grazie al nuovo Note. Lasciateci tutte le vostre impressioni e se vi siamo stati di aiuto non esitate a condividere questo post con tutti i vostri amici sui social. Vi ricordiamo che potete seguirci attraverso i nostri canali Facebook e Twitter. Vieni a trovarci ed aiutaci a crescere.

I commenti sono chiusi.